1 agosto 2017

Matrimonio a Napoli

Un matrimonio a Napoli è sempre una grande sfida, specialmente per chi come noi è abituato a uno stile di matrimonio diverso.

Per dirlo con la frase di una canzone:

nu matrimoni napulitan nun po capi mai chi e nat a milan

Napoli, la città dei matrimoni,
Napoli la città dove è nata la fotografia di matrimonio odierna con il grande maestro Oreste Pipolo,
Napoli la città dei mille fotografi,
 Napoli la città dove mi sono sposato,
Napoli la città dove abbiamo acceso i motori per questa stagione di Matrimoni. 
 
Quando arriva la primavera e le mie macchine escono dal letargo torna quell’emozione, quel filo di incertezza  che provavo ai miei primi matrimoni. Poi piano piano con il ricominciare a scattare con frequenza la tensione sparisce e resta solo la creatività. Tornano i movimenti che hai fatto migliaia di volte, la capacità di trovarsi con il proprio team e tutto diventa armonico.
 
Alla Collephoto amiamo preparare la stagione come le squadre fanno con il campionato, durante la pausa si sperimentano novità e si provano idee nuove. Quest’anno, come saprà chi ci segue, abbiamo introdotto il servizio di riprese aeree con drone. Questo è stato il primo matrimonio in cui ha debuttato questo tipo di ripresa. A pilotare il nostro SAPR ci ha pensato il buon Fabrizio Pacini di FlyCiak azienda specializzata in questo tipo di operazioni.
 
Accettare un matrimonio a Napoli è stata una sfida sicuramente emozionante, il primo di una serie di servizi che ci hanno visto in campo sia in Europa che negli Stati Uniti e di cui vi parlerò nei prossimi post.
 
Ma veniamo ai nostri sposi, Simona e Marco. 
Marco è un ufficiale dell’Esercito, Simona una famosa truccatrice e una delle più seguite youtuber partenopee.
 
Simona è abituata a stare davanti alle telecamere, alla sua in particolare e non ci ha rinunciato nemmeno nel suo giorno più importante. 
Durante la preparazione della sposa abbiamo infatti scoperto di essere ripresi.
Un video che potete trovare sul suo canale e che svela alcuni nostri piccoli segreti che normalmente non amo far sapere. 
 
La cerimonia si è svolta in una delle chiese più importanti dell’hinterland napoletano: il duomo di Nola.
 
Ci siamo poi trasferiti nel capoluogo campano per il servizio fotografico.
Per raccontare Napoli e fotografare i nostri sposi abbiamo poi deciso di scegliere uno dei luoghi più conosciuti della città, piazza del Plebiscito.
Ma poi abbiamo osato e siamo usciti dai soliti luoghi e dare spazio a una Napoli più vera, una Napoli bella, ma meno conosciuta: quella dei vicoli.
 
A pochi passi da piazza del Plebiscito, il salotto buono della città, ci sono infatti i quartieri spagnoli.
Sono vicoli in cui entrando si sente tutta la Napoli popolare, quella di cuore, quella che venera il sacro capello di Maradona e quella del caffè sospeso.
 
Strade troppo strette per due auto, ma la gente di questi vicoli ha una spontaneità e una generosità davvero incredibile.
 
Il ricevimento è poi iniziato su una splendida terrazza da cui si dominava il golfo di Napoli, con il Vesuvio che sorge a specchio del mare.
 
Ma lasciamo la parola alle immagini sia in foto che in video
 
Location ricevimento: Bertolini’s hall
Abito: Giovanni Napolitano
Trucco: c’è bisogno di dirlo? Simona! 
Capelli: Sonia Cedrone
 
 

Google+ Comments